“Caro Diario…”

Vorrei partire proprio da qui.

 

Tutto iniziò diversi anni fa quando, nelle ore di “artistica” alle medie, mi resi conto che trovavo gratificazione quando un mio disegno veniva appeso insieme agli altri, nella parete principale dell’aula, in modo che tutti potessero ammirarlo. 

 

(Tanti dicono che sapere disegnare o avere fantasia è un dono innato o semplicemente fortuna. Io trovo, invece, che sia tanto tanto allenamento e curiosità nell’imparare cose nuove.)

 

Mi sarebbe piaciuto fare il liceo artistico proprio per sviluppare questa arte, ma dopo questa frase: 

“Mamma so già come mi truccherò da grande: eye-liner e mascara” dovevo trovare un modo per avvicinarmi al più presto al mondo del make up.  Così iniziò il percorso nella scuola di estetica, in cui scoprì una professione bellissima e imparai le prime basi del make up. Ovviamente non è stato sufficiente per colmare la mia curiosità!

 

Ed è stato così che ho conosciuto l’accademia Teatro alla Scala e il corso di trucco e acconciatura. Un anno ricco di novità. 

L’esame finale è stata la presentazione del progetto “Le valkirie” in cui dovevamo rivisitare il make up e creare dei copricapi artistici in riferimento all’opera.

La Valkiria

Vedi Photobook Theatrical

Da qui i primi contatti per shooting, sfilate, matrimoni, eventi privati, set pubblicitari e cinematografici dove mi sono innamorata della vita dei backstage.

Dopo aver lavorato per Dolce e Gabbana, Estée Lauder e Armani arrivò quest’estate una richiesta per un colloquio in Mac Cosmetics, un po’ il mondo magico per tutti i make up artist. 

Inizia così quest’avventura che nel giro di pochi mesi ha portato già tante gratificazioni come il 2° premio nella ” MAC Halloween Challenge”.

Si tratta di un concorso in cui i MAC Artist partecipano e concorrono fra di loro per creare il miglior look nella giornata di Halloween.

E’ una gara internazionale in cui partecipano tantissimi paesi Europei, ma anche Middle East, Africa, Russia e India.

Halloween-Challenge-Emea-2018

Esistono infinite tecniche di trucco, dalla base ogni make up artist prende la su via.

Forse è proprio questo l’elemento che mi piace di più: l’unicità.